Edra Palace Hotel - Cassino (FR) Tel 0776 373010 Email:info@edrapalacehotel.it

Follow Us on

CUCINA LOCALE

timthumbI PRODOTTI TIPICI DELLA TRADIZIONE LOCALE VINI E OLI

La vigna è una delle coltivazioni più diffuse e apprezzate nel territorio ciociaro. Anche se la produzione è più spesso destinata al consumo casalingo e non al commercio vero e proprio. Negli anni la bontà di questi prodotti ha portato a riconoscimenti d’eccellenza tali da meritare la Denominazione di Origine Controllata. In particolare il titolo è stato conquistato dal vino Cabernet di Atina.

IL CESANESE DEL PIGLIO Il Cesanese del Piglio, ad esempio ha un grande successo ed è molto apprezzato anche oltre i perimetri del territorio. E’ un vino di colore rosso brillante con un sapore intenso e un profumo delicato, leggermente tannico, di sostenuta gradazione, che può accompagnare benissimo anche piatti di un certo livello. Nel 1973, ebbe il riconoscimento più ambito: la Denominazione di Origine Controllata e l’approvazione del relativo disciplinare di produzione.

IL CABERNET DI ATINA Il Cabernet di Atina, ottimo vino a sua volta riconosciuto DOC . La sua diffusione si deve alla famiglia Visocchi, che moltissimi anni fa impiantò i primi ceppi di Merlot e Cabernet nel territorio di Atina, grazioso paese a 20 km da Cassino, le piante poi attecchirono benissimo e di qui il pregiato Cabernet, che vanta un gusto deciso, robusto , ma molto gradevole.

L’OLIO EXTRAVERGINE La Ciociaria è ricchissima di uliveti, per il clima temperato e la particolare composizione geologica del terreno . L’olio extra vergine di queste zone è molto apprezzato per la dolcezza e per la particolare spremitura: fatta molto velocemente e che consente un risultato superiore, mantenendo intatti i principi nutritivi.

L’OLIO DI CERVARO Nella zona di Cervaro sono presenti circa 250.000 piante di ulivo. La raccolta è ancora fatta a mano. Molto importante è la particolare spremitura ovvero la c.d. “monita”, cioè la triturazione delle olive in enormi macine. Il composto profumatissimo ottenuto viene inserito in speciali dischi di fibra naturale e posto sotto pressa per permettere la separazione dell’olio dalla parte acquosa. Questo il vero segreto dell’olio ciociaro.

L’OLIO ROSCIOLA DELL’ALTA CIOCIARIA Nei comuni di Paliano, Piglio, Serrone, Acuto ed Anagni viene prodotta una qualità di olio extra vergine di oliva di ottima qualità, denominato “Rosciola”. Un olio dal colore ambrato e con riverberi verdastri, leggermente più “torbido” rispetto agli altri, per la sua filtrazione diversa, ma con un gusto straordinario ottimo per condire pietanze a base di pesce.

I FAGIOLI DI ATINA E DI TERELLE La patria dei gustosi fagioli “cannellini” è Atina. I “cannellini” sono un delicatissimo tipo di fagioli bianchi dal profumo leggero e vellutato nel gusto. Sono noti per la loro bontà, fanno parte della tradizione e base per molti “piatti poveri” della gastronomia tipica. Il Fagiolo Cannellino di Atina DOP si distingue per l’estrema tenerezza ed è sua peculiarità il poter essere cucinato senza bisogno di precedente “ammollo” in acqua. Un’altra rinomata varietà è rappresentata dal cosiddetto “bottoncino” di Terelle.

IL TARTUFO La qualità dei tartufi di Ciociaria non ha nulla da invidiare ad altri e più famosi in Italia. In particolare ci sono tre varietà di tartufi si possono trovare nelle nostre zone: il tartufo bianco, il più costoso e pregiato, dal sapore molto piacevole; il tartufo nero pregiato, poco differente rispetto a quello bianco e il tartufo nero estivo, detto anche “scorzone”, dal colore bruno-nerastro e dalla superficie irregolare, non altrettanto pregiato rispetto alle altre due tipologie, ma comunque molto profumato e saporito. Un paese celebre per questi prodotti è Campoli Appenino che tutti gli anni dedica una sagra e vari eventi di degustazione.

IL PROSCIUTTO DI GUARCINO Un prosciutto che per la lavorazione artigianale in origine e ora anche industriale ha avuto un ottimo riscontro, infatti grazie alla stagionatura, nonché all’utilizzo di carni provenienti da allevamenti locali, questo prosciutto ha un sapore delizioso ed un contrasto dolce/salato che lo rende ricercato e di grande successo.

LA MOZZARELLA DI BUFALA Prodotta essenzialmente con latte di bufala intero, questo tipo di formaggio a pasta filata è certamente tra i più noti in tutta Italia. Sebbene, da sempre, prodotto tipicamente campano, presenta una ricca e importante produzione anche ad Amaseno, che è infatti uno dei territori dove si è concentrato in modo particolare l’allevamento di bufale. Per la sua elevata qualità, la mozzarella di bufala, prodotta con il latte proveniente da Amaseno è DOP.

LA “MARZOLINA” La Marzolina è una tipica caciottina lavorata con latte ovino, dal sapore forte e caratteristico. La sua produzione, inizialmente circoscritta all’ambito domestico, ha subito negli ultimi anni una evoluzione rendendo ormai reperibile questo formaggio presso tutti i normali centri di vendita degli alimentari. Le semplici tecniche di lavorazione, quali la caseificazione del latte, la salatura, la stagionatura e l’eventuale aromatizzazione, conferiscono alla Marzolina un gusto deciso ma anche abbastanza delicato. La forma è quella cilindrica ed ha un profumo ed una consistenza che va dal freschissimo allo stagionato, ed è molto apprezzato. L’area maggiormente dedita alla produzione di questo formaggio è quella di Amaseno, dove viene prodotta anche un’altra caciottina simile alla Marzolina ma avente per materia prima latte di bufala. Un ottimo prodotto è quello che viene fatto ad Esperia, piccolo e grazioso paese a 20 km da Cassino, dove questo formaggio è anche protagonista di una sagra che si svolge tutti gli anni nel mese di Luglio.

LA CIAMBELLA DI MOROLO Si tratta di un delizioso formaggio, a pasta filata semidura, affumicato; la tipica forma a ciambella ha il caratteristico colore esterno giallo affumicato e colore interno della pasta giallo chiaro con un sapore dolce, ma deciso. Delizioso sia assoluto che accompagnato a focacce o pizze rustiche. Gli elementi di tradizionalità del processo produttivo sono la forma e la pezzatura; viene utilizzato solo latte della provincia mentre l’ affumicatura è a faggio e pioppo od a paglia. Altri materiali usati sono mestolo di legno per la filatura; assi di abete per la stagionatura. E particolarità sono i locali specializzati provvisti di camino per l’affumicatura del formaggio. La ciambella di Morolo è il frutto di una tradizione casearia del comune di Morolo. La produzione artigianale del formaggio risale al 1933 con il caseificio del Sig. Pietro Scarchilli.

IL PEPERONE “CORNETTO” DELLA VALLE DEI LIRI Quella del peperone “Cornetto” verde, piccolo e proprio a forma di cornetto è un ortaggio che ha avuto un ottimo successo; la sua produzione si è andata affermando, soprattutto negli ultimi anni. La sua coltivazione avviene a Pontecorvo e Pignataro Interamna soprattutto, ma è presente un po’ dappertutto nella Valle del fiume Liri. Il Cornetto nella cucina tipica è molto usato per gustosi primi piatti e contorni, eccellenti fritti o con pomodorini.

CASTAGNE DI TERELLE In Ciociaria il paese di Terelle è famoso sia per la produzione di castagne che per il castagneto secolare con alberi la cui circonferenza supera i dieci metri; la raccolta delle castagne avviene manualmente dalla metà di Settembre alla fine di Ottobre e si conclude nel mese di Novembre con la Sagra delle castagne. Varie sono le specie di castagne prodotte a Terelle e si contraddistinguono per il sapore dolciastro più o meno intenso: Primutica di colore marrone chiaro, Pelosella di colore marrone cupo e la Pizzutella di colore rossiccio.

IL PANE DI VEROLI Questo gustosissimo pane è a base di farina di grano tenero, è un pane casereccio di forma rotonda o a pagnotta o a filone del peso di circa 2 kg. La crosta si presenta di colore marrone dorato, mentre la pasta interna è di colore biancastro con caratteristica alveolatura. Ha antiche origini, come antichi sono i tanti forni che si trovano nei vicoli del paese. I panifici di Veroli utilizzano i forni a legna per cuocere le pagnotte lievitate in modo naturale. Molto apprezzata è anche la ciambella di Veroli, fatta con la pasta del pane con l’aggiunta di semi di anice, un tempo tipica delle feste di Capodanno, oggi di uso quotidiano.

LA CUCINA CIOCIARA La cucina ciociara, di origine contadina, vede nella sua semplicità e genuinità il proprio punto di forza. La base principale dei piatti tipici sono gli ingredienti, sicuramente “poveri” ma di eccellente qualità. Una delle pietanze più conosciute è la pasta all’uovo fatta a mano, tagliata a fettuccine sottili dette “fini fini”, condite con sugo di carne o di pomodoro semplice. E il ristorante dell’Hotel Edra vanta un espresso riconoscimento culinario proprio per questo straordinario piatto: Fini Fini alla Ciociara. Tra i primi piatti non sono da meno gli gnocchi e i cannelloni. Anche le minestre come le sagne (quadrati di pasta fatta a mano) e fagioli, pasta e patate, pasta e ceci, preparate secondo la tradizione culinaria della Ciociaria, hanno un sapore meraviglioso. I secondi vedono una prevalenza di carne di maiale, di abbacchio, di pollo o coniglio, che nelle zone di campagna, è ancora più genuina e gustosa, perché in genere proveniente da piccoli allevamenti, proprio per questo ancora più saporiti. Di solito queste pietanze vengono accompagnate da verdure ed ortaggi, dando vita a specialità come il pollo o il coniglio con i peperoni, le salsicce con i broccoletti, l’abbacchio con le patate al forno, il pollo al pomodoro. Per quanto riguarda i dolci, sebbene non siano particolarmente elaborati, hanno comunque un gusto particolare. Si tratta in prevalenza di dolci da forno come ciambellone, la pigna, le ciambelle al vino, le crostate con la marmellata fatta in casa o con la ricotta, i tozzetti con le nocciole, i famosi amaretti di Guarcino, i taralli dolci.

Prenota una stanza

Ho letto e accetto quanto segue:
Informativa ai sensi della legge 196/03
"Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali". I dati indicati verranno utilizzati unicamente per i fini espliciti di questo modulo ed eventuali comunicazioni successive derivate. In nessun caso i dati saranno ceduti a terzi.
Inserisci il codice: captcha